Eutropio - 6

Capitolo 1

Aemilio Lepido Q. Catulo consulibus, cum Sulla rem publicam conposuisset, bella nova exarserunt, unum in Hispania, aliud in Pamphylia et Cilicia, tertium in Macedonia, quartum in Dalmatia. Nam Sertorius, qui partium Marianarum fuerat, timens fortunam ceterorum, qui interempti erant, ad bellum commovit Hispanias. Missi sunt contra eum duces Q. Caecilius Metellus, filius eius, qui Iugurtham regem vicit, et L. Domitius praetor. A Sertorii duce Hirtuleio Domitius occisus est. Metellus vario successu contra Sertorium dimicavit. Postea, cum inpar pugnae solus Metellus putaretur, Cn. Pompeius ad Hispanias missus est. Ita duobus ducibus adversis Sertorius fortuna varia saepe pugnavit. Octavo demum anno per suos occisus est, et finis ei bello datus per Cn. Pompeium adulescentem et Q. Metellum Pium atque omnes prope Hispaniae in dicionem populi Romani redactae.
Essendo consoli M. Emilio Lepido e Q. Catulo, avendo Silla riordinato lo Stato, arsero nuove guerre, una nella Spagna, un'altra in Panfilia e Cilicia, la terza in Macedonia, la quarta in Dalmazia. Giacchè Sertorio, che era stato del partito Mariano, temendo il destino degli altri che erano stati uccisi, mosse alla guerra le Spagne. Furono mandati capitani contro di lui Q. Cecilio Metello, figlio di quello che vinse il re Giugurta, e L. Domizio pretore. Domizio fu ucciso da Irtuleio capitano di Sertorio. Metello combattè con varia fortuna contro Sertorio. Poi ritenendosi il solo Metello impari alla lotta, fu mandato nelle Spagne Cn. Pompeo. Così Sertorio combattè spesso con varia fortuna contro due capitani nemici. Alla fine l'ottavo anno fu ucciso dai suoi e fu data fine a quella guerra del giovane Cn. Pompeo e da Q. Metello Pio e quasi tutte le Spagne furono ridotte in potere del popolo Romano.