Lucano - Liber Ii

Capitolo 2

Iamque irae patuere deum manifestaque belli signa dedit mundus legesque et foedera rerum praescia monstrifero vertit natura tumultu indixitque nefas. cur hanc tibi, rector Olympi, 5 sollicitis visum mortalibus addere curam, noscant venturas ut dira per omina clades? sive parens rerum, cum primum informia regna materiamque rudem flamma cedente recepit, fixit in aeternum causas, qua cuncta coercet 10 se quoque lege tenens, et saecula iussa ferentem fatorum inmoto divisit limite mundum, sive nihil positum est, sed fors incerta vagatur fertque refertque vices et habet mortalia casus, sit subitum quodcumque paras; sit caeca futuri 15 mens hominum fati; liceat sperare timenti. ergo, ubi concipiunt quantis sit cladibus orbi constatura fides superum, ferale per urbem iustitium; latuit plebeio tectus amictu omnis honos, nullos comitata est purpura fasces. 20 tum questus tenuere suos magnusque per omnis erravit sine voce dolor. sic funere primo attonitae tacuere domus, cum corpora nondum conclamata iacent nec mater crine soluto exigit ad saevos famularum bracchia planctus, 25 sed cum membra premit fugiente rigentia vita voltusque exanimes oculosque in morte minaces, necdum est ille dolor nec iam metus: incubat amens miraturque malum. cultus matrona priores deposuit maestaeque tenent delubra catervae: 30 hae lacrimis sparsere deos, hae pectora duro adflixere solo, lacerasque in limine sacro attonitae fudere comas votisque vocari adsuetas crebris feriunt ululatibus aures. nec cunctae summi templo iacuere Tonantis: 35 divisere deos, et nullis defuit aris invidiam factura parens. quarum una madentis scissa genas, planctu liventis atra lacertos, 'nunc', ait 'o miserae, contundite pectora, matres, nunc laniate comas neve hunc differte dolorem 40 et summis servate malis. nunc flere potestas dum pendet fortuna ducum: cum vicerit alter gaudendum est.' his se stimulis dolor ipse lacessit. nec non bella viri diversaque castra petentes effundunt iustas in numina saeva querellas. 45 'o miserae sortis, quod non in Punica nati tempora Cannarum fuimus Trebiaeque iuventus. non pacem petimus, superi: date gentibus iras, nunc urbes excite feras; coniuret in arma mundus, Achaemeniis decurrant Medica Susis 50 agmina, Massageten Scythicus non adliget Hister, fundat ab extremo flavos Aquilone Suebos Albis et indomitum Rheni caput; omnibus hostes reddite nos populis: civile avertite bellum. hinc Dacus, premat inde Getes; occurrat Hiberis 55 alter, ad Eoas hic vertat signa pharetras; nulla vacet tibi, Roma, manus. vel, perdere nomen si placet Hesperium, superi, conlatus in ignes plurimus ad terram per fulmina decidat aether. saeve parens, utrasque simul partesque ducesque, 60 dum nondum meruere, feri. tantone novorum proventu scelerum quaerunt uter imperet urbi? vix tanti fuerat civilia bella movere ut neuter.' talis pietas peritura querellas egerit. at miseros angit sua cura parentes, 65 oderuntque gravis vivacia fata senectae servatosque iterum bellis civilibus annos. atque aliquis magno quaerens exempla timori 'non alios' inquit 'motus tum fata parabant cum post Teutonicos victor Libycosque triumphos 70 exul limosa Marius caput abdidit ulva. stagna avidi texere soli laxaeque paludes depositum, Fortuna, tuum; mox vincula ferri exedere senem longusque in carcere paedor. consul et eversa felix moriturus in urbe 75 poenas ante dabat scelerum. mors ipsa refugit saepe virum, frustraque hosti concessa potestas sanguinis invisi, primo qui caedis in actu deriguit ferrumque manu torpente remisit. viderat inmensam tenebroso in carcere lucem 80 terribilisque deos scelerum Mariumque futurum, audieratque pavens "fas haec contingere non est colla tibi; debet multas hic legibus aevi ante suam mortes: vanum depone furorem." si libet ulcisci deletae funera gentis, 85 hunc, Cimbri, servate senem. non ille favore numinis, ingenti superum protectus ab ira, vir ferus et Romam cupienti perdere fato sufficiens. idem pelago delatus iniquo hostilem in terram vacuisque mapalibus actus 90 nuda triumphati iacuit per regna Iugurthae et Poenos pressit cineres. solacia fati Carthago Mariusque tulit, pariterque iacentes ignovere deis. Libycas ibi colligit iras. ut primum fortuna redit, servilia solvit 95 agmina, conflato saevas ergastula ferro exeruere manus. nulli gestanda dabantur signa ducis, nisi qui scelerum iam fecerat usum adtuleratque in castra nefas. pro fata, quis ille, quis fuit ille dies, Marius quo moenia victor 100 corripuit, quantoque gradu mors saeva cucurrit! nobilitas cum plebe perit, lateque vagatus ensis, et a nullo revocatum pectore ferrum. stat cruor in templis multaque rubentia caede lubrica saxa madent. nulli sua profuit aetas: 105 non senis extremum piguit vergentibus annis praecepisse diem, nec primo in limine vitae infantis miseri nascentia rumpere fata. crimine quo parvi caedem potuere mereri? sed satis est iam posse mori. trahit ipse furoris 110 impetus, et visum lenti quaesisse nocentem. in numerum pars magna perit, rapuitque cruentus victor ab ignota voltus cervice recisos dum vacua pudet ire manu. spes una salutis oscula pollutae fixisse trementia dextrae. 115 mille licet gladii mortis nova signa sequantur, degener o populus, vix saecula longa decorum sic meruisse viris, nedum breve dedecus aevi et vitam dum Sulla redit. cui funera volgi flere vacet? vix te sparsum per viscera, Baebi, 120 innumeras inter carpentis membra coronae discessisse manus, aut te, praesage malorum Antoni, cuius laceris pendentia canis ora ferens miles festae rorantia mensae inposuit. truncos laceravit Fimbria Crassos; 125 saeva tribunicio maduerunt robora tabo. te quoque neclectum violatae, Scaevola, Vestae ante ipsum penetrale deae semperque calentis mactavere focos; parvom set fessa senectus sanguinis effudit iugulo flammisque pepercit. 130 septimus haec sequitur repetitis fascibus annus. ille fuit vitae Mario modus, omnia passo quae peior fortuna potest, atque omnibus uso quae melior, mensoque hominis quid fata paterent. iam quot apud Sacri cecidere cadavera Portum 135 aut Collina tulit stratas quot porta catervas, tum cum paene caput mundi rerumque potestas mutavit translata locum, Romanaque Samnis ultra Caudinas speravit volnera Furcas! Sulla quoque inmensis accessit cladibus ultor. 140 ille quod exiguum restabat sanguinis urbi hausit; dumque nimis iam putria membra recidit excessit medicina modum, nimiumque secuta est, qua morbi duxere, manus. periere nocentes, sed cum iam soli possent superesse nocentes. 145 tum data libertas odiis, resolutaque legum frenis ira ruit. non uni cuncta dabantur sed fecit sibi quisque nefas: semel omnia victor iusserat. infandum domini per viscera ferrum exegit famulus, nati maduere paterno 150 sanguine, certatum est cui cervix caesa parentis cederet, in fratrum ceciderunt praemia fratres. busta repleta fuga, permixtaque viva sepultis corpora, nec populum latebrae cepere ferarum. hic laqueo fauces elisaque guttura fregit, 155 hic se praecipiti iaculatus pondere dura dissiluit percussus humo, mortesque cruento victori rapuere suas; hic robora busti exstruit ipse sui necdum omni sanguine fuso desilit in flammas et, dum licet, occupat ignes. 160 colla ducum pilo trepidam gestata per urbem et medio congesta foro: cognoscitur illic quidquid ubique iacet. scelerum non Thracia tantum vidit Bistonii stabulis pendere tyranni, postibus Antaei Libye, nec Graecia maerens 165 tot laceros artus Pisaea flevit in aula. cum iam tabe fluunt confusaque tempore multo amisere notas, miserorum dextra parentum colligit et pavido subducit cognita furto. meque ipsum memini, caesi deformia fratris 170 ora rogo cupidum vetitisque inponere flammis, omnia Sullanae lustrasse cadavera pacis perque omnis truncos, cum qua cervice recisum conveniat, quaesisse, caput. quid sanguine manes placatos Catuli referam? cum victima tristis 175 inferias Marius forsan nolentibus umbris pendit inexpleto non fanda piacula busto, cum laceros artus aequataque volnera membris vidimus et toto quamvis in corpore caeso nil animae letale datum, moremque nefandae 180 dirum saevitiae, pereuntis parcere morti. avolsae cecidere manus exsectaque lingua palpitat et muto vacuum ferit aera motu. hic aures, alius spiramina naris aduncae amputat, ille cavis evolvit sedibus orbes 185 ultimaque effodit spectatis lumina membris. vix erit ulla fides tam saevi criminis, unum tot poenas cepisse caput. sic mole ruinae fracta sub ingenti miscentur pondere membra, nec magis informes veniunt ad litora trunci 190 qui medio periere freto. quid perdere fructum iuvit et, ut vilem, Marii confundere voltum? ut scelus hoc Sullae caedesque ostensa placeret agnoscendus erat. vidit Fortuna colonos Praenestina suos cunctos simul ense recepto 195 unius populum pereuntem tempore mortis. tum flos Hesperiae, Latii iam sola iuventus, concidit et miserae maculavit ovilia Romae. tot simul infesto iuvenes occumbere leto saepe fames pelagique furor subitaeque ruinae 200 aut terrae caelique lues aut bellica clades, numquam poena fuit. densi vix agmina volgi inter et exangues inmissa morte catervas victores movere manus; vix caede peracta procumbunt, dubiaque labant cervice; sed illos 205 magna premit strages peraguntque cadavera partem caedis: viva graves elidunt corpora trunci. intrepidus tanti sedit securus ab alto spectator sceleris: miseri tot milia volgi non timuit iussisse mori. congesta recepit 210 omnia Tyrrhenus Sullana cadavera gurges. in fluvium primi cecidere, in corpora summi. praecipites haesere rates, et strage cruenta interruptus aquae fluxit prior amnis in aequor, ad molem stetit unda sequens. iam sanguinis alti 215 vis sibi fecit iter campumque effusa per omnem praecipitique ruens Tiberina in flumina rivo haerentis adiuvit aquas; nec iam alveus amnem nec retinent ripae, redditque cadavera campo. tandem Tyrrhenas vix eluctatus in undas 220 sanguine caeruleum torrenti dividit aequor. hisne salus rerum, felix his Sulla vocari, his meruit tumulum medio sibi tollere Campo? haec rursus patienda manent, hoc ordine belli ibitur, hic stabit civilibus exitus armis. 225 quamquam agitant graviora metus, multumque coitur humani generis maiore in proelia damno. exulibus Mariis bellorum maxima merces Roma recepta fuit, nec plus victoria Sullae praestitit invisas penitus quam tollere partes: 230 hos alio, Fortuna, vocas, olimque potentes concurrunt. neuter civilia bella moveret contentus quo Sulla fuit.' sic maesta senectus praeteritique memor flebat metuensque futuri. at non magnanimi percussit pectora Bruti 235 terror et in tanta pavidi formidine motus pars populi lugentis erat, set nocte sopora, Parrhasis obliquos Helice cum verteret axes, atria cognati pulsat non ampla Catonis. invenit insomni volventem publica cura 240 fata virum casusque urbis cunctisque timentem securumque sui, farique his vocibus orsus: 'omnibus expulsae terris olimque fugatae virtutis iam sola fides, quam turbine nullo excutiet fortuna tibi, tu mente labantem 245 derige me, dubium certo tu robore firma. namque alii Magnum vel Caesaris arma sequantur, dux Bruto Cato solus erit. pacemne tueris inconcussa tenens dubio vestigia mundo, an placuit ducibus scelerum populique furentis 250 cladibus inmixtum civile absolvere bellum? quemque suae rapiunt scelerata in proelia causae: hos polluta domus legesque in pace timendae, hos ferro fugienda fames mundique ruinae permiscenda fides. nullum furor egit in arma; 255 castra petunt magna victi mercede: tibi uni per se bella placent? quid tot durare per annos profuit inmunem corrupti moribus aevi? hoc solum longae pretium virtutis habebis: accipient alios, facient te bella nocentem. 260 ne tantum, o superi, liceat feralibus armis, has etiam movisse manus. nec pila lacertis missa tuis caeca telorum in nube ferentur: ne tanta in cassum virtus eat, ingeret omnis se belli fortuna tibi. quis nolet in isto 265 ense mori, quamvis alieno volnere labens, et scelus esse tuum? melius tranquilla sine armis otia solus ages, sicut caelestia semper inconcussa suo volvuntur sidera lapsu. fulminibus propior terrae succenditur aer, 270 imaque telluris ventos tractusque coruscos flammarum accipiunt; nubes excedit Olympus. lege deum minimas rerum discordia turbat, pacem magna tenent. quam laetae Caesaris aures accipient tantum venisse in proelia civem! 275 nam praelata suis numquam diversa dolebit castra ducis Magni. nimium placet ipse Catoni, si bellum civile placet. pars magna senatus et duce privato gesturus proelia consul sollicitant proceresque alii; quibus adde Catonem 280 sub iuga Pompei, toto iam liber in orbe solus Caesar erit. quod si pro legibus arma ferre iuvat patriis libertatemque tueri nunc neque Pompei Brutum neque Caesaris hostem, post bellum victoris habes.' sic fatur; at illi 285 arcano sacras reddit Cato pectore voces. 'summum, Brute, nefas civilia bella fatemur, sed quo fata trahunt virtus secura sequetur. crimen erit superis et me fecisse nocentem. sidera quis mundumque velit spectare cadentem 290 expers ipse metus? quis, cum ruat arduus aether, terra labet mixto coeuntis pondere mundi, complossas tenuisse manus? gentesne furorem Hesperium ignotae Romanaque bella sequentur diductique fretis alio sub sidere reges, 295 otia solus agam? procul hunc arcete furorem, o superi, motura Dahas ut clade Getasque securo me Roma cadat. ceu morte parentem natorum orbatum longum producere funus ad tumulos iubet ipse dolor, iuvat ignibus atris 300 inseruisse manus constructoque aggere busti ipsum atras tenuisse faces, non ante revellar exanimem quam te conplectar, Roma; tuumque nomen, Libertas, et inanem persequar umbram. sic eat: inmites Romana piacula divi 305 plena ferant, nullo fraudemus sanguine bellum. o utinam caelique deis Erebique liceret hoc caput in cunctas damnatum exponere poenas! devotum hostiles Decium pressere catervae: me geminae figant acies, me barbara telis 310 Rheni turba petat, cunctis ego pervius hastis excipiam medius totius volnera belli. hic redimat sanguis populos, hac caede luatur quidquid Romani meruerunt pendere mores. ad iuga cur faciles populi, cur saeva volentes 315 regna pati pereunt? me solum invadite ferro, me frustra leges et inania iura tuentem. hic dabit hic pacem iugulus finemque malorum gentibus Hesperiis: post me regnare volenti non opus est bello. quin publica signa ducemque 320 Pompeium sequimur? nec, si fortuna favebit, hunc quoque totius sibi ius promittere mundi non bene conpertum est: ideo me milite vincat ne sibi se vicisse putet.' sic fatur, et acris irarum movit stimulos iuvenisque calorem 325 excitat in nimios belli civilis amores. interea Phoebo gelidas pellente tenebras pulsatae sonuere fores, quas sancta relicto Hortensi maerens inrupit Marcia busto. quondam virgo toris melioris iuncta mariti, 330 mox, ubi conubii pretium mercesque soluta est tertia iam suboles, alios fecunda penates inpletura datur geminas et sanguine matris permixtura domos; sed, postquam condidit urna supremos cineres, miserando concita voltu, 335 effusas laniata comas contusaque pectus verberibus crebris cineresque ingesta sepulchri, non aliter placitura viro, sic maesta profatur: 'dum sanguis inerat, dum vis materna, peregi iussa, Cato, et geminos excepi feta maritos: 340 visceribus lassis partuque exhausta revertor iam nulli tradenda viro. da foedera prisci inlibata tori, da tantum nomen inane conubii; liceat tumulo scripsisse "Catonis Marcia", nec dubium longo quaeratur in aevo 345 mutarim primas expulsa an tradita taedas. non me laetorum sociam rebusque secundis accipis: in curas venio partemque laborum. da mihi castra sequi: cur tuta in pace relinquar et sit civili propior Cornelia bello?' 350 hae flexere virum voces, et, tempora quamquam sint aliena toris iam fato in bella vocante, foedera sola tamen vanaque carentia pompa iura placent sacrisque deos admittere testes. festa coronato non pendent limine serta, 355 infulaque in geminos discurrit candida postes, legitimaeque faces, gradibusque adclinis eburnis stat torus et picto vestes discriminat auro, turritaque premens frontem matrona corona translata vitat contingere limina planta; 360 non timidum nuptae leviter tectura pudorem lutea demissos velarunt flammea voltus, balteus aut fluxos gemmis astrinxit amictus, colla monile decens umerisque haerentia primis suppara nudatos cingunt angusta lacertos. 365 sicut erat, maesti servat lugubria cultus quoque modo natos hoc est amplexa maritum. obsita funerea celatur purpura lana, non soliti lusere sales, nec more Sabino excepit tristis convicia festa maritus. 370 pignora nulla domus, nulli coiere propinqui: iunguntur taciti contentique auspice Bruto. ille nec horrificam sancto dimovit ab ore caesariem duroque admisit gaudia voltu (ut primum tolli feralia viderat arma, 375 intonsos rigidam in frontem descendere canos passus erat maestamque genis increscere barbam: uni quippe vacat studiis odiisque carenti humanum lugere genus), nec foedera prisci sunt temptata tori: iusto quoque robur amori 380 restitit. hi mores, haec duri inmota Catonis secta fuit, servare modum finemque tenere naturamque sequi patriaeque inpendere vitam nec sibi sed toti genitum se credere mundo. huic epulae vicisse famem, magnique penates 385 summovisse hiemem tecto, pretiosaque vestis hirtam membra super Romani more Quiritis induxisse togam, Venerisque hic us usus, progenies: urbi pater est urbique maritus, iustitiae cultor, rigidi servator honesti, 390 in commune bonus; nullosque Catonis in actus subrepsit partemque tulit sibi nata voluptas. interea trepido discedens agmine Magnus moenia Dardanii tenuit Campana coloni. haec placuit belli sedes, hinc summa moventem 395 hostis in occursum sparsas extendere partis, umbrosis mediam qua collibus Appenninus erigit Italiam nulloque a vertice tellus altius intumuit propiusque accessit Olympo. mons inter geminas medius se porrigit undas 400 inferni superique maris, collesque coercent hinc Tyrrhena vado frangentes aequora Pisae, illinc Dalmaticis obnoxia fluctibus Ancon. fontibus hic vastis inmensos concipit amnes fluminaque in gemini spargit divortia ponti 405 (in laevum cecidere latus veloxque Metaurus Crustumiumque rapax et iuncto Sapis Isauro Senaque et Hadriacas qui verberat Aufidus undas; quoque magis nullum tellus se solvit in amnem Eridanus fractas devolvit in aequora silvas 410 Hesperiamque exhaurit aquis. hunc fabula primum populea fluvium ripas umbrasse corona, cumque diem pronum transverso limite ducens succendit Phaethon flagrantibus aethera loris, gurgitibus raptis penitus tellure perusta, 415 hunc habuisse pares Phoebeis ignibus undas. non minor hic Nilo, si non per plana iacentis Aegypti Libycas Nilus stagnaret harenas; non minor hic Histro, nisi quod, dum permeat orbem, Hister casuros in quaelibet aequora fontes 420 accipit et Scythicas exit non solus in undas. dexteriora petens montis declivia Thybrim unda facit Rutubamque cavum. delabitur inde Vulturnusque celer nocturnaeque editor aurae Sarnus et umbrosae Liris per regna Maricae 425 Vestinis inpulsus aquis radensque Salerni tesca Siler nullasque vado qui Macra moratus alnos vicinae procurrit in aequora Lunae). longior educto qua surgit in aera dorso, Gallica rura videt devexasque excipit Alpes. 430 tunc Vmbris Marsisque ferax domitusque Sabello vomere, piniferis amplexus rupibus omnis indigenas Latii populos, non deserit ante Hesperiam, quam cum Scyllaeis clauditur undis, extenditque suas in templa Lacinia rupes, 435 longior Italia, donec confinia pontus solveret incumbens terrasque repelleret aequor, at, postquam gemino tellus elisa profundo est, extremi colles Siculo cessere Peloro. Caesar in arma furens nullas nisi sanguine fuso 440 gaudet habere vias, quod non terat hoste vacantis Hesperiae fines vacuosque inrumpat in agros atque ipsum non perdat iter consertaque bellis bella gerat. non tam portas intrare patentis quam fregisse iuvat, nec tam patiente colono 445 arva premi quam si ferro populetur et igni. concessa pudet ire via civemque videri. tunc urbes Latii dubiae varioque favore ancipites, quamquam primo terrore ruentis cessurae belli, denso tamen aggere firmant 450 moenia et abrupto circumdant undique vallo, saxorumque orbes et quae super eminus hostem tela petant altis murorum turribus aptant. pronior in Magnum populus, pugnatque minaci cum terrore fides, ut, cum mare possidet Auster 455 flatibus horrisonis, hunc aequora tota secuntur, si rursus tellus pulsu laxata tridentis Aeolii tumidis inmittat fluctibus Eurum, quamvis icta novo, ventum tenuere priorem aequora, nubiferoque polus cum cesserit Euro 460 vindicat unda Notum. facilis sed vertere mentes terror erat, dubiamque fidem fortuna ferebat. gens Etrusca fuga trepidi nudata Libonis, iusque sui pulso iam perdidit Vmbria Thermo. nec gerit auspiciis civilia bella paternis 465 Caesaris audito conversus nomine Sulla. Varus, ut admotae pulsarunt Auximon alae, per diversa ruens neclecto moenia tergo, qua silvae, qua saxa, fugit. depellitur arce Lentulus Asculea; victor cedentibus instat 470 devertitque acies, solusque ex agmine tanto dux fugit et nullas ducentia signa cohortes. tu quoque nudatam commissae deseris arcem, Scipio, Nuceriae, quamquam firmissima pubes his sedeat castris, iam pridem Caesaris armis 475 Parthorum seducta metu, qua Gallica damna supplevit Magnus, dumque ipse ad bella vocaret donavit socero Romani sanguinis usum. at te Corfini validis circumdata muris tecta tenent, pugnax Domiti; tua classica servat 480 oppositus quondam polluto tiro Miloni. ut procul inmensam campo consurgere nubem ardentisque acies percussis sole corusco conspexit telis, 'socii, decurrite' dixit 'fluminis ad ripas undaeque inmergite pontem. 485 et tu montanis totus nunc fontibus exi atque omnis trahe, gurges, aquas, ut spumeus alnos discussa conpage feras. hoc limite bellum haereat, hac hostis lentus terat otia ripa. praecipitem cohibete ducem: victoria nobis 490 hic primum stans Caesar erit.' nec plura locutus devolvit rapidum nequiquam moenibus agmen. nam prior e campis ut conspicit amne soluto rumpi Caesar iter calida prolat ab ira 'non satis est muris latebras quaesisse pavori? 495 obstruitis campos fluviisque arcere paratis, ignavi? non, si tumido me gurgite Ganges summoveat, stabit iam flumine Caesar in ullo post Rubiconis aquas. equitum properate catervae, ite simul pedites, ruiturum ascendite pontem.' 500 haec ubi dicta, levis totas accepit habenas in campum sonipes, crebroque simillima nimbo trans ripam validi torserunt tela lacerti. ingreditur pulsa fluvium statione vacantem Caesar, et ad tutas hostis conpellitur arces. 505 et iam moturas ingentia pondera turris erigit, et mediis subrepit vinea muris: ecce, nefas belli, reseratis agmina portis captivum traxere ducem, civisque superbi constitit ante pedes. voltu tamen alta minaci 510 nobilitas recta ferrum cervice poposcit. scit Caesar poenamque peti veniamque timeri. 'vive, licet nolis, et nostro munere' dixit 'cerne diem. victis iam spes bona partibus esto exemplumque mei. vel, si libet, arma retempta, 515 et nihil hac venia, si viceris, ipse paciscor.' fatur et astrictis laxari vincula palmis imperat. heu, quanto melius vel caede peracta parcere Romano potuit fortuna pudori! poenarum extremum civi, quod castra secutus 520 sit patriae Magnumque ducem totumque senatum, ignosci. premit ille gravis interritus iras, et secum 'Romamne petes pacisque recessus degener? in medios belli non ire furores iam dudum moriture paras? rue certus et omnis 525 lucis rumpe moras et Caesaris effuge munus.' nescius interea capti ducis arma parabat Magnus, ut inmixto firmaret robore partis. iamque secuturo iussurus classica Phoebo temptandasque ratus moturi militis iras 530 adloquitur tacitas veneranda voce cohortes. 'o scelerum ultores melioraque signa secuti, o vere Romana manus, quibus arma senatus non privata dedit, votis deposcite pugnam, ardent Hesperii saevis populatibus agri, 535 Gallica per gelidas rabies ecfunditur Alpes, iam tetigit sanguis pollutos Caesaris enses. di melius, belli tulimus quod damna priores: coeperit inde nefas, iam iam me praeside Roma supplicium poenamque petat. neque enim ista vocari 540 proelia iusta decet, patriae sed vindicis iram; nec magis hoc bellum est, quam quom Catilina paravit arsuras in tecta faces sociusque furoris Lentulus exertique manus vaesana Cethegi. o rabies miseranda ducis! cum fata Camillis 545 te, Caesar, magnisque velint miscere Metellis, ad Cinnas Mariosque venis. sternere profecto ut Catulo iacuit Lepidus, nostrasque securis passus Sicanio tegitur qui Carbo sepulchro, quique feros movit Sertorius exul Hiberos. 550 quamquam, siqua fides, his te quoque iungere, Caesar, invideo nostrasque manus quod Roma furenti opposuit. Parthorum utinam post proelia sospes et Scythicis Crassus victor remeasset ab oris, ut simili causa caderes, quoi Spartacus, hosti. 555 te quoque si superi titulis accedere nostris iusserunt, valet, en, torquendo dextera pilo, fervidus haec iterum circa praecordia sanguis incaluit; disces non esse ad bella fugaces qui pacem potuere pati. licet ille solutum 560 defectumque vocet, ne vos mea terreat aetas: dux sit in his castris senior, dum miles in illis. quo potuit civem populus perducere liber ascendi, supraque nihil nisi regna reliqui. non privata cupis, Romana quisquis in urbe 565 Pompeium transire paras. hinc consul uterque, hinc acies statura ducum est. Caesarne senatus victor erit? non tam caeco trahis omnia cursu teque nihil, Fortuna, pudet. multisne rebellis Gallia iam lustris aetasque inpensa labori 570 dant animos? Rheni gelidis quod fugit ab undis Oceanumque vocans incerti stagna profundi territa quaesitis ostendit terga Britannis? an vanae tumuere minae quod fama furoris expulit armatam patriis e sedibus urbem? 575 heu demens, non te fugiunt, me cuncta secuntur. qui cum signa tuli toto fulgentia ponto, ante bis exactum quam Cynthia conderet orbem, omne fretum metuens pelagi pirata reliquit angustaque domum terrarum in sede poposcit. 580 idem per Scythici profugum divortia ponti indomitum regem Romanaque fata morantem ad mortem Sulla felicior ire coegi. pars mundi mihi nulla vacat, sed tota tenetur terra meis, quocumque iacet sub sole, tropaeis: 585 hinc me victorem gelidas ad Phasidos undas Arctos habet, calida medius mihi cognitus axis Aegypto atque umbras nusquam flectente Syene, occasus mea iura timent Tethynque fugacem qui ferit Hesperius post omnia flumina Baetis, 590 me domitus cognovit Arabs, me Marte feroces Heniochi notique erepto vellere Colchi, Cappadoces mea signa timent et dedita sacris incerti Iudaea dei mollisque Sophene, Armenios Cilicasque feros Taurumque subegi: 595 quod socero bellum praeter civile reliqui?' verba ducis nullo partes clamore secuntur nec matura petunt promissae classica pugnae. sensit et ipse metum Magnus, placuitque referri signa nec in tantae discrimina mittere pugnae 600 iam victum fama non visi Caesaris agmen. pulsus ut armentis primo certamine taurus silvarum secreta petit vacuosque per agros exul in adversis explorat cornua truncis nec redit in pastus, nisi cum cervice recepta 605 excussi placuere tori, mox reddita victor quoslibet in saltus comitantibus agmina tauris invito pastore trahit, sic viribus inpar tradidit Hesperiam profugusque per Apula rura Brundisii tutas concessit Magnus in arces. 610 urbs est Dictaeis olim possessa colonis, quos Creta profugos vexere per aequora puppes Cecropiae victum mentitis Thesea velis. hinc latus angustum iam se cogentis in artum Hesperiae tenuem producit in aequora linguam, 615 Hadriacas flexis claudit quae cornibus undas. nec tamen hoc artis inmissum faucibus aequor portus erat, si non violentos insula Coros exciperet saxis lassasque refunderet undas. hinc illinc montes scopulosae rupis aperto 620 opposuit natura mari flatusque removit, ut tremulo starent contentae fune carinae. hinc late patet omne fretum, seu vela ferantur in portus, Corcyra, tuos, seu laeva petatur Illyris Ionias vergens Epidamnos in undas. 625 hoc fuga nautarum, cum totas Hadria vires movit et in nubes abiere Ceraunia cumque spumoso Calaber perfunditur aequore Sason. ergo, ubi nulla fides rebus post terga relictis nec licet ad duros Martem convertere Hiberos, 630 cum mediae iaceant inmensis tractibus Alpes, tum subole e tanta natum cui firmior aetas adfatur. 'mundi iubeo temptare recessus: Euphraten Nilumque move, quo nominis usque nostri fama venit, quas est volgata per urbes 635 post me Roma ducem. sparsos per rura colonos redde mari Cilicas; Pharios hinc concute reges Tigranemque meum; nec Pharnacis arma relinquas admoneo nec tu populos utraque vagantis Armenia Pontique feras per litora gentis 640 Riphaeasque manus et quas tenet aequore denso pigra palus Scythici patiens Maeotia plaustri et - quid plura moror? totos mea, nate, per ortus bella feres totoque urbes agitabis in orbe perdomitas; omnes redeant in castra triumphi. 645 at vos, qui Latios signatis nomine fastos, primus in Epirum Boreas agat; inde per arva Graiorum Macetumque novas adquirite vires dum paci dat tempus hiemps.' sic fatur, et omnes iussa gerunt solvuntque cavas a litore puppes. 650 at numquam patiens pacis longaeque quietis armorum, nequid fatis mutare liceret, adsequitur generique premit vestigia Caesar. sufficerent aliis primo tot moenia cursu rapta, tot oppressae depulsis hostibus arces, 655 ipsa, caput mundi, bellorum maxima merces, Roma capi facilis; sed Caesar in omnia praeceps, nil actum credens cum quid superesset agendum, instat atrox et adhuc, quamvis possederit omnem Italiam, extremo sedeat quod litore Magnus, 660 communem tamen esse dolet; nec rursus aperto vult hostes errare freto, sed molibus undas obstruit et latum deiectis rupibus aequor. cedit in inmensum cassus labor; omnia pontus haurit saxa vorax montesque inmiscet harenis, 665 ut, maris Aeolii medias si celsus in undas depellatur Eryx, nullae tamen aequore rupes emineant, vel si convolso vertice Gaurus decidat in fundum penitus stagnantis Averni. ergo, ubi nulla vado tenuit sua pondera moles, 670 tunc placuit caesis innectere vincula silvis roboraque inmensis late religare catenis. talis fama canit tumidum super aequora Persen construxisse vias, multum cum pontibus ausis Europamque Asiae Sestonque admovit Abydo 675 incessitque fretum rapidi super Hellesponti, non Eurum Zephyrumque timens, cum vela ratisque in medium deferret Athon. sic ora profundi artantur casu nemorum; tunc aggere multo surgit opus longaeque tremunt super aequora turres. 680 Pompeius tellure nova conpressa profundi ora videns curis animum mordacibus angit, ut reseret pelagus spargatque per aequora bellum. saepe Noto plenae tensisque rudentibus actae ipsa maris per claustra rates fastigia molis 685 discussere salo spatiumque dedere carinis tortaque per tenebras validis ballista lacertis multifidas iaculata faces. ut tempora tandem furtivae placuere fugae, ne litora clamor nauticus exagitet neu bucina dividat horas 690 neu tuba praemonitos perducat ad aequora nautas praecepit sociis. iam coeperat ultima Virgo Phoebum laturas ortu praecedere Chelas, cum tacitas solvere rates. non anchora voces movit, dum spissis avellitur uncus harenis; 695 dum iuga curvantur mali dumque ardua pinus erigitur, pavidi classis silvere magistri, strictaque pendentes deducunt carbasa nautae nec quatiunt validos, ne sibilet aura, rudentes. dux etiam votis hoc te, Fortuna, precatur, quam retinere vetas, liceat sibi perdere saltem 700 Italiam. vix fata sinunt; nam murmure vasto inpulsum rostris sonuit mare, fluctuat unda, totque carinarum permixtis aequora sulcis ergo hostes portis, quas omnis solverat urbis 705 cum fato conversa fides, murisque recepti praecipiti cursu flexi per cornua portus ora petunt pelagusque dolent contingere classi. heu pudor, exigua est fugiens victoria Magnus. angustus puppes mittebat in aequora limes 710 artior Euboica, qua Chalcida verberat, unda. hic haesere rates geminae, classique paratae excepere manus, tractoque in litora bello hic primum rubuit civili sanguine Nereus, cetera classis abit summis spoliata carinis: 715 ut, Pagasaea ratis peteret cum Phasidos undas, Cyaneas tellus emisit in aequora cautes; rapta puppe minor subducta est montibus Argo vanaque percussit pontum Symplegas inanem et statura redit. iam Phoebum urguere monebat 720 non idem Eoi color aetheris, albaque nondum lux rubet et flammas propioribus eripit astris, et iam Plias hebet, flexi iam plaustra Bootae in faciem puri redeunt languentia caeli, maioresque latent stellae, calidumque refugit 725 Lucifer ipse diem. pelagus iam, Magne, tenebas non ea fata ferens quae cum super aequora toto praedonem sequerere mari: lassata triumphis descivit Fortuna tuis. cum coniuge pulsus et natis totosque trahens in bella penates 730 vadis adhuc ingens populis comitantibus exul. quaeritur indignae sedes longinqua ruinae. non quia te superi patrio privare sepulchro maluerint Phariae busto damnantur harenae: parcitur Hesperiae. procul hoc et in orbe remoto 735 abscondat Fortuna nefas, Romanaque tellus inmaculata sui servetur sanguine Magni.
LIBRO SECONDO Ed allora fu evidente l'ira degli dèi e l'universo manifestò sintomi inequivocabili di guerra e la natura, ben consapevole di tutto ciò, sovvertì la struttura del mondo con una disordinata produzione di fenomeni mostruosi e rese palmare l'empietà. Perché mai, o reggitore del cielo, hai deciso di aggravare gli uomini già angosciati con l'ulteriore travaglio di apprendere, attraverso funesti presagi, i disastri futuri? Sia che il padre dell'universo (non appena ottenne, quando il fuoco si ritirò, il dominio informe della materia originaria) abbia fissato in eterno le cause, con cui stabilisce ogni cosa, costringendo anche se stesso all'osservanza della legge, ed abbia posto entro i confini inamovibili del fato il mondo e le sue generazioni, sia che niente sia stato stabilito e, invece, la sorte erri incerta e provochi e riprovochi il succedersi degli eventi ed il caso domini gli avvenimenti umani: si realizzi senza alcun preavviso quel che si sta apprestando, l'animo umano sia inconsapevole della tragedia imminente: chi teme abbia almeno la possibilità di sperare. Perciò, non appena compresero in quanti disastri per il mondo si sarebbe concretizzata la veracità della rivelazione dei numi, si fermò - segno funesto! - nell'Urbe ogni attività: tutte le cariche pubbliche si celarono sotto abbigliamenti plebei e la porpora non accompagnò più i fasci. Allora tutti trattennero i lamenti e furono percorsi da un immenso, muto dolore. Così, non appena si è verificata la morte di qualcuno, la casa tace sbigottita, quando sul corpo giacente non è ancora iniziata la lamentazione funebre e la madre con le chiome sciolte non esorta ancora le ancelle a percuotersi il petto con forza, ma si getta sulla salma ormai irrigidita per la fuga della vita e tocca il volto esanime e gli occhi che appaiono minacciosamente spalancati; non compare però ancora il dolore e non c'è più la paura: ella si piega sulla propria sventura e, assente, la osserva. Le matrone lasciarono gli abiti usuali e, in tristi gruppi, riempirono i templi: alcune cosparsero di pianto i simulacri degli dèi, altre batterono il petto sulla dura terra, sgomente si strapparono i capelli sulla sacra soglia e colpirono con grida frequenti le orecchie dei numi, avvezze ad essere devotamente invocate. Non tutte si prostrarono nel tempio del sommo Tonante: si divisero gli dèi ed esse - destinate a suscitare il risentimento contro i numi - non disertarono nessun altare. Ed una di loro, lacerandosi le guance intrise di lacrime e con le braccia livide per le percosse, esclamò: «O madri infelici, ora percuotetevi il petto, ora strappatevi le chiome: non procrastinate questo dolore e non riservatelo alle sciagure estreme. È possibile piangere adesso, fino a che la sorte dei condottieri rimane incerta: quando uno dei due avrà vinto, quello sarà il momento di gioire». Con tali sollecitazioni il dolore si esasperava ancora di più. Analogamente gli uomini, che andavano in guerra e si dirigevano verso gli opposti accampamenti, si lasciavano andare a giuste rampogne nei confronti dei numi crudeli: «O triste infelicità, non esser nati per affrontare i Cartaginesi a Canne e alla Trebbia! Non cerchiamo la pace, o dèi: infondete ira nei popoli, eccitate città inferocite; faccia lega insieme il mondo intero, si precipitino dall'achemenia Susa le truppe dei Medi, l'Istro scitico non tenga più a freno i Massàgeti, l'Elba e la foce del Reno mai domata riversino su di noi dall'estremo nord i biondi Svevi; fate che noi diventiamo nemici per tutte le genti: ma allontanate la guerra civile. Da una parte incalzino i Daci, dall'altra i Geti; l'uno affronti gli Ibèri, l'altro rivolga le insegne contro le faretre orientali: nessuna mano sia disponibile per te, o Roma, e per il conflitto civile. E ancora, se avete deciso, o numi, di annullare il nome d'Italia, l'etere intero, in preda al fuoco, piombi giù a terra tra i fulmini. O padre crudele, colpisci contemporaneamente le due fazioni e i loro capi, mentre ancora non lo meritano. Cercano forse, con un numero così elevato di delitti spaventosi, di decidere chi sarà dei due a dominare su Roma? A stento avrebbe avuto un significato scatenare la guerra civile, purché nessuno dei due fosse riuscito a raggiungere il suo scopo». L'amore verso la patria, destinato a perire, si sfoga in tali lamenti. Gli infelici genitori sono tormentati da un cruccio: essi odiano il loro destino di vivere a lungo in una gravosa vecchiaia e di poter assistere a un secondo conflitto civile. E qualcuno, andando alla ricerca di avvenimenti che potessero avere un rapporto con la grande paura, ricorda: «I fati non apprestavano sconvolgimenti diversi da questi, allorquando, dopo aver trionfato sui Tèutoni e sui Libici, Mario, ormai esule, dovette nascondere il capo tra le piante palustri piene di fango: gli stagni di un suolo che tutto ingoia e le vaste paludi celarono quel che tu, o Fortuna, avevi affidato loro. Successivamente le ferree catene ed un lungo languire in prigione logorarono il vecchio ed egli, che, lieto, sperava di morire da console nell'Urbe sconvolta, scontava in anticipo il fio dei suoi delitti. La morte stessa rifuggì sovente dall'eroe ed invano fu concesso il potere di uccidere l'odiato avversario ad un nemico: costui, infatti, nel momento stesso in cui lo stava colpendo, si irrigidì e lasciò cadere la spada dalla mano intorpidita: gli era balenata nelle tenebre del carcere un'immensa luce, aveva scorto le tremende divinità del delitto ed il Mario futuro e, terrorizzato, aveva percepito queste parole: "Guai a te se oserai toccare il collo di costui; egli deve alle leggi del fato molte morti prima della sua: abbandona un furore inutile". Se desiderate vendicare, o Cimbri, il disastro del vostro popolo annientato, mantenete in vita questo vecchio: egli, protetto dall'ira tremenda dei numi - e non certo per la benevolenza di qualche divinità -, è sufficiente (feroce eroe!) al fato che brama di annichilire Roma. Egli stesso, sbattuto dal mare violento in una terra nemica e costretto a vivere in capanne abbandonate, giacque nel regno spopolato del vinto Giugurta e calpestò le ceneri puniche. Cartagine e Mario si confortarono a vicenda delle vicissitudini del destino e, ugualmente prostrati, perdonarono gli dèi. In Africa egli radunò le ire libiche: non appena la fortuna tornò a favorirlo, liberò torme di schiavi e le carceri, dopo aver fuso il ferro dei ceppi per ricavarne armi, scatenarono orde feroci. Nessuno poteva fregiarsi delle insegne del comando, se non colui che avesse già consuetudine con il delitto e avesse portato con sé nell'accampamento l'empietà. Oh destino! Che giorno, che giorno fu quello, in cui Mario vittorioso conquistò le mura e con quale passo scorrazzò la Morte crudele! Perirono nobili e plebe, la spada aprì larghi vuoti e non si fece eccezione per alcuno. I templi sono pieni di sangue ed i pavimenti grondanti divengono scivolosi per le numerose stragi. Nessuno ebbe vantaggio dall'età: non ci fu ritegno nell'abbreviare i giorni ai vecchi ormai giunti agli anni estremi né nello spezzare, sul primo affacciarsi alla vita, il destino nascente dell'infelice bimbo: per quale delitto i piccoli poterono meritare di essere uccisi? Ma ormai è sufficiente poter morire. L'impeto stesso del furore trascina ed appare sintomo di lentezza cercare un colpevole. Gran parte perisce per accrescere il numero delle vittime ed il vincitore, sporco di sangue, svelle la testa recisa da un corpo che non conosce, sol perché ha ritegno di andare a mani vuote. Sola speranza di salvezza è baciare tremando la destra lorda di sangue: pur se mille spade fossero pronte ad eseguire nuovi comandi di morte, a stento sarebbe dignitoso per veri uomini, o popolo degenere, ottenere in questo modo un lungo periodo di vita, a maggior ragione ottenerne uno breve ed infamante, in attesa del ritorno di Silla. Chi avrebbe la possibilità di piangere i lutti di tante persone? A stento ti si potrebbe ricordare, o Bèbio, fatto a pezzi da innumerevoli mani che si sono accanite su di te, o te, Antonio, che avevi presagito tali sciagure, la cui testa un soldato, tenendola per la lacera canizie, depose, grondante di sangue, sulla mensa imbandita. Fìmbria fece a brani i Crassi già mutilati; l'orrida trave grondò del sangue di un tribuno ed anche te, o Scèvola, che non avesti la protezione di Vesta violata, scannarono proprio dinanzi alla parte più riposta del tempio ed ai fuochi sempre accesi, ma la stanca vecchiezza fece sì che dalla gola sgorgasse poco sangue, che non riuscì perciò a spegnere la fiamma. A tali misfatti tien dietro il settimo anno del consolato di Mario. Quello fu però il limite della vita per lui che aveva sofferto tutto ciò che la sorte cattiva può apprestare, che aveva goduto tutto quel che può venire da quella migliore e che aveva compiuto l'intero percorso del destino di un uomo. Quanti corpi stramazzarono presso Sacriporto o quanti mucchi di cadaveri giacquero a Porta Collina, allorquando il centro dell'universo e l'impero del mondo poco mancò che cambiassero sede ed i Sanniti sperarono di infliggere ai Romani ferite ben più profonde che non quelle inferte alle Forche Caudine. A così orrende e numerose stragi si aggiunse in più la vendetta di Silla. Egli tracannò quel po' di sangue che rimaneva a Roma e, mentre amputava gli arti già troppo infetti, il rimedio andò oltre la misura e la mano, tenendo dietro al cammino della malattia, si spinse troppo in là. Morirono i colpevoli, ma quando soltanto i colpevoli avevano la possibilità di sopravvivere. Allora non fu posto più alcun freno agli odii ed il furore, non più trattenuto dalla coercizione delle leggi, si scatenò. Non c'era uno solo che decidesse ogni cosa: ciascuno compiva i delitti per sé. Il vincitore aveva dato gli ordini una volta per tutte. Il servo trafisse con l'empia spada le viscere del padrone; i figli si impregnarono del sangue del padre, si litigò per decidere a chi spettasse il capo reciso del genitore; i fratelli si precipitarono a guadagnare le ricompense poste sulla vita dei fratelli. I sepolcri si riempirono di gente in fuga e i corpi vivi si mescolarono con i cadaveri e i nascondigli delle belve non riuscirono a contenere tante persone. Uno, impiccandosi, si schianta la gola, un altro, gettandosi nel vuoto, si sfracella nel violento impatto con il suolo: essi strappano così le loro morti al vincitore sanguinoso; un altro ancora innalza da sé una catasta di legna e, mentre il suo sangue non è ancora completamente sgorgato, si lancia tra le fiamme e, finché ne ha la possibilità, brucia nel fuoco. Le teste dei capi sono condotte, infilzate sui giavellotti, attraverso la città atterrita e vengono ammucchiate nel centro del foro: colà si poteva calcolare quanti giacevano morti in ogni luogo. La Tracia non vide penzolare uno spettacolo così macabro dalle stalle del tiranno bistònio o la Libia dagli usci di Antèo né la Grecia addolorata pianse membra così mutilate nella reggia di Pisa. Allorquando i corpi si sciolsero nella putrefazione e, trascorso non poco tempo, ebbero perso i lineamenti, furono raccolti dagli infelici genitori che, terrorizzati, sottrassero quelli che erano riusciti a riconoscere. Ricordo che io stesso, desideroso di porre sul rogo che gli era stato vietato il volto informe del fratello ucciso, osservai attentamente tutti i morti e i cadaveri fatti a pezzi, frutto della pace sillana, per vedere a quale tronco si adattasse il suo capo reciso. Perché mai dovrei ricordare lo spirito di Càtulo placato dal sangue? Allorché Mario offrì, come vittima, quelle orrende espiazioni al sepolcro non sazio, mentre le ombre forse non desideravano i tristi, funebri sacrifici; allorché scorgemmo i suoi arti mutilati e le ferite, che erano state inferte in tutte le sue membra, e, sul corpo, per quanto fosse tutto pieno di lesioni, nessun colpo mortale: spaventoso costume di empia crudeltà questo di ritardare la morte a uno che sta spirando. Le mani caddero mozzate e la lingua tagliata guizzò e colpì con un muto movimento l'aria. Uno gli tagliò via le orecchie, un altro le nari dell'adunco naso, un altro ancora gli strappò gli occhi dalle orbite e glieli cavò per ultimi, dopo che essi avevano osservato lo strazio delle membra: a stento si poteva prestar fede a un crimine così orrendo e cioè che un solo corpo abbia potuto sopportare torture così crudeli. Allo stesso modo, quando crolla un edificio, le membra sono schiacciate e travolte sotto l'enorme peso né giungono più informi sulla spiaggia i corpi dei naufraghi. Che vantaggio c'è a perdere la ricompensa e ad alterare i lineamenti del volto di Mario, come se fossero di poco conto? Era necessario che si potessero riconoscere le sue fattezze, perché quello scempio, orrendamente esibito, piacesse a Silla. La Fortuna di Preneste vide tutti i suoi coloni morire trafitti e l'intero suo popolo soccombere in un'unica strage. Allora il fiore dell'Esperia, quel che rimaneva della gioventù del Lazio, cadde e sporcò con il suo sangue i recinti dell'infelice Roma: che tanti giovani soccombessero per una morte crudele, fu sovente causa la fame o il mare in tempesta o crolli improvvisi o una rovina proveniente dalla terra o dal cielo o un episodio di guerra: non fu mai una punizione. I vincitori muovevano a stento le mani in mezzo a una fitta folla e fra schiere esangui di gente uccisa. Compiuta la strage, i corpi non riescono neanche a stramazzare e traballano con la testa oscillante, sono incalzati da altri corpi di numerosi uccisi e i cadaveri portano a compimento la strage: i corpi soffocano con il loro peso la gente ancora viva. Impassibile, noncurante spettatore di così atroci delitti, Silla siede ed osserva dall'alto seggio: non ha il minimo scrupolo di aver ordinato la morte di tante migliaia di persone. L'onda del Tevere ricevette e raccolse tutti i cadaveri, vittime della repressione sillana: i primi caddero nel fiume, quelli che seguivano si ammucchiarono sui corpi. Le imbarcazioni, che avanzavano velocemente, si incastrarono formando un blocco: l'acqua a valle dell'ostacolo, costituito dai resti sanguinosi della strage, defluì in mare, mentre quella che seguiva si fermò presso l'ingorgo. Ormai la violenza del sangue che aumentava sempre di più si aprì la strada spargendosi per tutta la campagna e, precipitandosi velocemente nel Tevere, ne ingrossò le acque che erano bloccate, sì che né il letto del fiume né le rive riuscirono a trattenere le onde, che restituirono perciò i corpi alla pianura: infine il Tevere, sfociato faticosamente nelle acque del Tirreno, divise il ceruleo mare con un torrente di sangue. Per tutto ciò Silla meritò di esser chiamato salvezza del mondo e di avere il soprannome di Fortunato, per tutto questo meritò che gli fosse innalzato un tumulo nel Campo Marzio? Queste sofferenze si ripeteranno nuovamente, la guerra si svolgerà secondo la medesima successione di eventi e questa sarà in eterno la conclusione dei conflitti civili. Ma avvenimenti più funesti stimolano le nostre paure e lo scontro si verifica con conseguenze dannose ben più tragiche per il genere umano. Per Mario ed i suoi seguaci in esilio la riconquista di Roma costituì la massima ricompensa della guerra, mentre la vittoria di Silla si concretizzò nella totale distruzione del partito avverso: ma costoro a ben altro li chiami, o Fortuna, ed essi, già potenti da un pezzo, vengono a battaglia. Nessuno dei due darebbe esca alla guerra civile per limitarsi ad essere ciò che fu Silla». Così piangevano gli affranti vecchi, mentre rievocavano il passato ed erano presi dall'angoscia per il futuro. Ma il terrore non attanagliò il cuore del magnanimo Bruto, il quale, in un così grande timore di paurosi sconvolgimenti, non si unì a coloro che erano preoccupati; egli invece, durante la notte che invita al sonno, quando la parràsia Èlice volgeva l'obliquo carro, bussò alla modesta casa del congiunto Catone. Lo trovò che rifletteva con insonne sollecitudine sui destini dello Stato e sulle sventure della città, preoccupato per gli altri ma non per sé, e così iniziò a parlargli: «O tu, ormai unica certezza della virtù espulsa e da tempo esiliata da ogni terra e che nessun turbine della fortuna riuscirà mai a strapparti, indirizza il mio spirito vacillante e rafforzami stabilmente eliminando la mia incertezza. Gli altri seguano pure Pompeo o le insegne di Cesare: per Bruto l'unico condottiero sarà Catone. Tu ti prefiggi la pace, mantenendo indefettibile il tuo cammino in un mondo incerto oppure hai deciso di legittimare il conflitto civile, rendendoti partecipe dei delitti dei capi e delle stragi di un popolo impazzito? Ciascuno è trascinato in lotte delittuose da motivi personali: gli uni dall'offesa arrecata alla loro casa e dalle leggi che incutono timore in tempo di pace, gli altri dalla necessità di sfuggire alla fame con le armi e di non rispettare, nel disastro che coinvolge il mondo intero, gli obblighi assunti. Nessuno è spinto alla guerra dall'entusiasmo; si combatte per il miraggio di una grande ricompensa: soltanto tu ami la guerra per la guerra? Che vantaggio hai avuto dal non farti toccare per tanti anni dalla corruzione del tuo tempo? Per aver coltivato la virtù da sempre, otterrai solo questo premio, che altri intraprenderanno la guerra già colpevoli, mentre tu lo diventerai. O dèi, non consentite che anche queste mani adoperino armi funeste né che i giavellotti scagliati dal suo braccio si trovino nella oscura nube formata dalle armi da lancio: perché un valore così eccelso non si sprechi invano, ogni evento della guerra si riverserà su di te. Chi - ancorché cadendo per la ferita inferta da un altro - non vorrà morire colpito dalla tua spada e costituire così un delitto compiuto da te? Meglio condurre una vita tranquilla e solitaria lontano dalla guerra: come i corpi celesti scorrono perennemente nel loro inamovibile cammino, mentre l'aria prossima al mondo si accende di fulmini e le zone inferiori della terra accolgono i venti e lo zigzagare abbagliante dei lampi e l'Olimpo supera le nubi: per la legge stabilita dagli dèi la discordia sconvolge le cose più piccole, mentre quelle grandi rimangono tranquille. Con quanta letizia Cesare apprenderà che un cittadino così importante ha deciso di partecipare alla lotta! Egli infatti non si cruccerà che sia stato anteposto al suo l'accampamento di Pompeo: Cesare è molto gradito a Catone, se a costui è gradita la guerra civile. Gran parte dei senatori e un console che si prepara al combattimento sotto il comando di un privato ed altri personaggi ragguardevoli ci esortano; a loro puoi aggiungere Catone, soggiogato da Pompeo: ormai in tutto il mondo soltanto Cesare sarà libero. Che se si deve entrare in guerra in difesa delle leggi della patria e salvaguardare così la libertà, ora vedi in Bruto non tanto il nemico di Pompeo o di Cesare, quanto colui che - dopo il conflitto - sarà il nemico del vincitore». Così parlò; e a lui Catone rispose con sacre parole che sgorgavano dalla parte più riposta del suo animo: «Dichiariamo che le guerre civili costituiscono la nefandezza suprema. Ma un valore noncurante dei pericoli terrà dietro all'indicazione dei fati: sarà un crimine per gli dèi aver reso colpevole anche me. Chi vorrà assistere, privo di qualsiasi timore, alla caduta degli astri e del mondo? Chi, se crollasse l'alto cielo e se la terra ondeggiasse sotto il peso e la spinta dell'universo, potrebbe trattenersi dallo sbattere le mani? Popolazioni ignote e re che vivono, al di là del mare, in altre zone del mondo parteciperanno alla follia italica e alle guerre romane, mentre soltanto io me ne starò tranquillamente da parte? Tenete lontano da me, o numi, questo furore, e cioè che Roma - che scuoterebbe con la sua caduta l'insensibilità di Dahi e Geti - crolli senza che io me ne preoccupi minimamente. Come il dolore costringe il padre, rimasto privo dei figli, a procrastinare a lungo le cerimonie funebri presso i sepolcri ed egli è consolato dal fatto di poter inserire le mani tra i neri fuochi e - innalzata la funebre pira - di tenere egli stesso le tetre torce, così non mi si riuscirà a strappar via prima che io abbia avvinto il tuo corpo esanime, o Roma, e il tuo nome, o Libertà: terrò dietro, fino in fondo, al tuo vacuo fantasma. Vada pur così: i numi sacrifichino completamente e senza pietà i Romani: non facciano mancare alla guerra il sangue di nessuno. Oh, se mi fosse possibile far convergere tutti i castighi sul mio capo, consacrato alle divinità del cielo e dell'inferno! Le torme dei nemici sommersero Decio, votato agli dèi infernali; mi trafiggano pure gli opposti eserciti, si scagli su di me con i suoi dardi l'orda barbara del Reno: io vi andrò incontro ed accoglierò tutte le armi e le ferite della guerra. Possa il mio sangue riscattare le genti e con la mia uccisione si sconti tutto quello che il comportamento dei Romani ha meritato di pagare. Perché mai devono perire popoli disposti ad esser sottomessi e a subire un crudele dominio? Lanciatevi con le armi soltanto su di me, che cerco di proteggere senza alcun risultato le leggi e il diritto ormai inutile. La mia gola darà la pace e la fine dei mali ai popoli italici: per chi vorrà dominare dopo di me non sarà più necessaria la guerra. Perché non seguire le insegne dello Stato e Pompeo come capo? Se la fortuna gli si dimostrerà benigna, di sicuro egli si prefiggerà il dominio di tutto il mondo: vinca quindi egli con me ai suoi ordini, perché non creda di aver vinto per sé». Così disse, stimolando l'acre ira del giovane ed eccitandone l'eccessivo ardore per la guerra civile. Nel frattempo, mentre il sole scacciava le fredde tenebre, risuonarono le porte, attraverso cui irruppe piangendo la veneranda Marcia, che aveva lasciato il funerale di Ortensio. Unita vergine, un tempo, ad un marito migliore, successivamente - allorché ebbe adempiuto all'unione generando un terzo figlio - fu concessa per popolare con la sua fecondità un'altra casa e per riunire due famiglie con il sangue materno. Ma, dopo aver deposto nell'urna le ceneri di Ortensio, anelante nel misero volto, strappandosi le chiome scarmigliate e battendosi con frequenti colpi il petto, con la cenere del sepolcro addosso (non altrimenti sarebbe piaciuta al primo marito), così si espresse tristemente: «Finché potevo contare sul sangue e sull'energia di madre, o Catone, ho adempiuto ai tuoi comandi e ho concepito figli da ambedue i mariti: con le viscere esauste e spossata dai parti ritorno, ma in condizione di non poter essere più ceduta ad un ulteriore marito. Ridonami i casti patti del primo matrimonio e dell'unione concedimi soltanto il nome: mi sia consentito far scrivere sulla mia tomba "Marcia di Catone" e nei lunghi tempi a venire non si rimanga in dubbio se ho mutato il primo matrimonio cacciata o ceduta. Tu non mi accogli come compagna di felicità o in momenti lieti: io vengo per dividere con te le preoccupazioni e le fatiche. Concedimi di seguirti nell'accampamento: per qual motivo dovrei esser lasciata in un luogo sicuro, mentre Cornelia sarà probabilmente più vicina al conflitto civile?». Queste parole piegarono quell'uomo eccezionale e - nonostante la circostanza non fosse propizia all'unione, dal momento che il destino chiamava alla guerra - purtuttavia si decise a riaffermare soltanto il vincolo del giuramento senza alcuno sfarzo esteriore e ad ammettere alla cerimonia gli dèi come testimoni. I serti festosi non pendono dalla soglia incoronata né la candida benda è distesa sugli stipiti, non vi sono le torce nuziali né il talamo troneggia su gradini d'avorio né compaiono le vesti screziate d'oro o la matrona che, con in capo la corona turrita, evita di toccare la soglia alzando il piede; il velo rosso, destinato a proteggere con delicatezza il timido pudore della sposa, non copre il suo volto chinato né la cintura adorna di gemme stringe le vesti ondeggianti né una bella collana adorna il suo collo né un piccolo mantello, scendendo dalla sommità delle spalle, circonda le nude braccia. Così come si trova, ella conserva il triste abbigliamento del lutto ed abbraccia il marito nello stesso modo con cui si stringe ai figli; la porpora viene completamente nascosta dalla lana adoperata per il lutto. Non si sentono gli usuali frizzi piccanti né il severo marito accoglie, secondo l'usanza sabina, i motti festosi e pungenti. Nessun parente od amico si raccoglie intorno a loro per festeggiarli: celebrano il rito del matrimonio in silenzio, lieti dell'augurio di Bruto. Catone non allontana l'irta chioma dal viso venerabile né il severo volto si illumina di gioia (non appena aveva visto impugnare le armi funeste, aveva lasciato crescere e scendere sulla fronte austera i bianchi capelli e sulle guance la barba, in segno di lutto: egli soltanto, non preso da interesse o da odio di parte, era disposto a piangere sul genere umano), né tenta di unirsi, come un tempo, alla moglie: la sua intransigenza si oppone anche ad un amore legittimo. Questi i costumi, questa la condotta indefettibile del rigoroso Catone: osservare la misura, non travalicare il limite, seguire la natura, votare la vita alla patria e convincersi di non esser nato per sé ma per tutti gli uomini. Per lui era un banchetto vincere la fame, una sontuosa dimora ripararsi con un tetto dalle intemperie, una veste preziosa mettersi addosso una ruvida toga, secondo l'antica consuetudine quirite, e fine ultimo dell'amore la generazione dei figli; padre dell'Urbe, suo marito, osservante della giustizia, cultore dell'onestà più rigida, retto nell'interesse della comunità: nel suo comportamento non penetrò mai un piacere che pensasse solo a se stesso. Frattanto Pompeo, mentre, in preda al timore, si ritirava con le sue truppe, conquistò le mura campane del colono troiano. Egli decise che la città dovesse essere il centro delle operazioni e di lì, impiegando tutte le sue energie, fece in modo che si inviassero, per rintuzzare l'attacco nemico, piccole unità di soldati autonome, là dove l'Appennino con le sue ombrose vette innalza l'Italia, che in nessun altro punto si erge con le sue cime più alte, avvicinandosi molto al cielo. Al centro i monti si alzano fra i due mari, l'inferiore e il superiore; da un lato delimita i colli Pisa, sui cui guadi si infrangono le acque tirreniche, dall'altro Ancona, battuta dalle onde dalmatiche. I monti danno luogo, con abbondanti sorgenti, ad enormi fiumi e fanno scendere, in direzioni opposte fra loro, i corsi d'acqua verso i due mari. Sul fianco sinistro scorrono il veloce Metàuro, il vorticoso Crustùmio, il Sapi con il suo affluente Isàuro, la Sena, l'Òfanto che sfocia nelle acque dell'Adriatico e l'Erìdano, che ingoia più terre di ogni altro fiume e che trascina in mare boschi divelti, prosciugando di acque l'Esperia. È tradizione che questo fiume sia stato il primo a far ombra alle rive con una corona di pioppi e che abbia avuto onde in grado di sopportare i raggi del sole, allorché Fetonte, mentre conduceva precipitosamente il carro del Sole attraverso un'orbita obliqua, infiammò il cielo con le briglie infuocate, arroventando la terra che era rimasta senz'acqua. Esso non avrebbe una portata inferiore a quella del Nilo, se questo fiume non straripasse nelle arene africane attraverso le pianure dell'Egitto; non sarebbe inferiore al Danubio, se questi, mentre solca il mondo, non accogliesse affluenti che dovrebbero gettarsi in altri mari e non sfociasse, non più solo, nelle onde scitiche. L'acqua, scendendo per i declivi montuosi dal lato destro, dà origine al Tevere e al profondo Rùtuba; di là scorrono il rapido Volturno, il Sarno che esala nebbie notturne, il Liri che, spinto dalle acque dei Vestini, attraversa i regni ombrosi di Marìca, il Sele, che sfiora le lande salernitane, il Magra, che non consente il passaggio delle navi a causa dei fondali bassi e si getta nei flutti della vicina Luni. Là dove l'Appennino innalza il suo dorso e si erge ancora di più verso il cielo, scorge le campagne galliche e si ricollega con le Alpi che digradano. Successivamente, reso fecondo da Umbri e Marsi e dissodato dall'aratro sabello, abbraccia con le sue rupi piene di pini tutti i popoli indigeni del Lazio e non lascia l'Italia prima di essere delimitato dalle onde di Scilla, estendendo le sue rocce fino ai templi di Giunone Lacìnia. Esso aveva una lunghezza superiore a quella dell'Italia, finché il mare non aveva separato i confini e le onde non avevano spinto indietro le terre; ma, dopo che la terra fu sommersa dal duplice mare, le estreme propaggini montuose si allontanarono dal siculo Pelòro. Cesare, ormai in preda alla folle frenesia della guerra, esulta nel procedere soltanto con spargimento di sangue, nel non scorrazzare nei territori italici privi di nemici, nel non fare irruzione in campi abbandonati, nel non aver perso tempo nelle sue marce di guerra, nell'affrontare un combattimento dopo l'altro. È felice non tanto di entrare attraverso porte aperte quanto di infrangerle e non tanto di calpestare i campi tra la rassegnazione degli agricoltori quanto di devastarli con il ferro ed il fuoco: si vergogna di avanzare per una via permessa e di sembrare un cittadino. Allora le città del Lazio, in preda al dubbio e all'incertezza per le loro incostanti preferenze - ancorché pronte, al primo scatenarsi della guerra, alla resa -, purtuttavia rinforzano con un massiccio terrapieno le mura, le circondano tutto intorno con uno scosceso baluardo di massi ed apprestano sulle alte torri oggetti di lancio da scagliare sul nemico. Il popolo è più favorevole a Pompeo e la fedeltà combatte contro il minaccioso terrore. Così avviene quando, allorché l'austro la fa da signore sul mare con soffi spaventosi, tutti i flutti gli tengon dietro; se la terra, riapertasi nuovamente battuta dal tridente di Eolo, fa prorompere l'euro sulle onde gonfie, i flutti, sebbene percossi dal nuovo vento, sono pur sempre soggetti al primo e l'onda obbedisce al noto, nonostante che il cielo sia divenuto dominio dell'euro apportatore di nubi. Il terrore riusciva però agevolmente a cambiare gli animi e la fortuna recava con sé una fedeltà dubbiosa. La popolazione dell'Etruria, rimasta priva di protezione per la fuga del pauroso Libone, e quella umbra, dopo la cacciata di Termo, hanno ormai perduto la loro libertà. Silla, che fugge al solo udire il nome di Cesare, non partecipa al conflitto civile sotto gli auspici paterni. Varo - non appena gli squadroni di cavalleria si mossero ed attaccarono Osimo -, attraversando sconsideratamente diverse città senza neanche curarsi di proteggersi le spalle, fugge per boschi e luoghi rocciosi. Lèntulo è cacciato dalla rocca di Ascoli; il vincitore insegue da presso gli avversari in fuga e ne dissolve l'esercito: di schiere così numerose rimane il solo condottiero con le insegne, che non sono più alla testa di nessuna coorte. Anche tu, o Scipione, abbandoni senza difesa la rocca di Nocera, che ti era stata affidata, sebbene in quell'accampamento si trovino dei giovani fortissimi, che precedentemente erano stati tolti alle truppe cesariane per timore dei Parti: con questi soldati Pompeo aveva rimpiazzato le perdite subite da Cesare in Gallia e, mentre il suocero lo provocava alla guerra, il Grande gli consentì di poter spargere sangue romano. Ma tu, o bellicoso Domizio, rimani a Corfìnio circondata da solide mura: si trovano ai tuoi ordini le reclute, che una volta furono messe a fronteggiare l'assassino Milone. Non appena egli vede da lontano un'enorme nube alzarsi sul campo e le truppe che brillano, riflettendo con le loro armi il sole splendente, esclama: «Compagni, precipitatevi giù sulle rive del fiume e distruggete il ponte. Ed anche tu, o corrente, vieni fuori tutta quanta dalle sorgenti montane e trascina con te tutte le acque, sì da frantumarne la struttura e da portarne via spumeggiando i pezzi che lo compongono. La guerra si fermi a questo punto e su questa sponda il nemico se ne rimanga inattivo. Trattenete il condottiero, che è solito avanzare fulmineamente: se Cesare sarà costretto a fermarsi qui, per noi sarà una vittoria». Non disse altro e fece scendere a precipizio giù dalle mura una veloce schiera, ma invano. Infatti, non appena Cesare, battendola sul tempo, scorse dai campi che il ponte era stato abbattuto e che il cammino era perciò stato interrotto, esclamò, in preda ad un'ira violenta: «Non è sufficiente cercare nelle mura un nascondiglio al vostro terrore? Ostruite i campi e tentate di tagliarmi fuori con il fiume, o vili? Ma neanche se il Gange cercasse di allontanarmi con i suoi flutti violenti, Cesare non si farà fermare da nessun fiume, una volta che ha oltrepassato il Rubicone. Affrettatevi, o cavalieri, e voi, fanti, avanzate e salite sul ponte che sta per crollare». Non appena ebbe parlato, i veloci cavalieri si precipitarono a briglia sciolta verso la pianura e forti braccia scagliarono al di là della riva una gran quantità di dardi, quasi un nembo. Ridotto all'impotenza il corpo di guardia, Cesare entrò nel fiume ormai sguarnito e si spinse fin sotto le sicure rocche del nemico. E già aveva fatto innalzare le torri, che avevano il compito di scagliare grandi massi, e la macchina da guerra era spinta sotto le mura, quando ecco (nefandezza della guerra!) che, spalancate le porte, i soldati trassero fuori il loro capo in catene, che si fermò dinanzi all'altezzoso concittadino; e Domizio, con atteggiamento profondamente nobile e con una espressione minacciosa nel capo eretto, richiese per sé il ferro. Cesare sapeva bene che quello reclamava il castigo, paventando il perdono, e così gli parlò: «Vivi, anche contro la tua volontà, e continua a vedere la luce solo perché io te lo concedo. Sii per la fazione dei vinti la speranza e l'esempio vivente della mia generosità, oppure, se ti piace, tenta nuovamente la via delle armi e, se sarai tu il vincitore, non prendo nessun accordo con te per un simile perdono». Così parlò ed ordinò di allentare i legami che gli avvincevano le mani. Oh, quanto sarebbe stato preferibile che la fortuna avesse potuto risparmiare l'onore romano, anche a costo di una vittima! Il castigo supremo per un cittadino era esser perdonato per aver combattuto nell'esercito della patria ed aver eseguito gli ordini di Pompeo e dell'intero Senato. Domizio soffocò senza timore l'ira che lo invadeva e disse tra sé: «Ti dirigerai alla volta di Roma e a un ricettacolo di pace, o degenere? Ti appresti a non gettarti nell'ira furibonda della guerra, tu che già da un pezzo sei pronto a morire? Precipitati senza esitazione, togli via ogni indugio alla morte e disprezza il dono di Cesare». Nel frattempo Pompeo, che non era al corrente della cattura del suo ufficiale, preparava l'esercito per rafforzare il suo partito con nuove energie. E mentre - al sorgere del giorno - stava già impartendo l'ordine di dar fiato alle trombe, convinto di dover mettere alla prova l'ira dei soldati che si stavano mettendo in marcia, si rivolse con voce degna di venerazione alle coorti silenziose: «O voi che dovete vendicare i delitti e che seguite le insegne migliori, o esercito veramente romano, a cui il Senato affidò le armi dello Stato, richiedete con il vostro desiderio lo scontro! I campi italici, orrendamente devastati, sono in fiamme, la rabbia gallica si sta riversando attraverso le gelide Alpi, ormai il sangue ha insozzato le sacrileghe spade di Cesare. Meglio, o numi, se siamo stati i primi ad essere colpiti dai danni della guerra: l'empietà avrà avuto inizio da loro: fra poco Roma, con me a capo, richieda il castigo e la pena. Codesta infatti non può essere definita soltanto una battaglia giusta, bensì la manifestazione dell'ira vendicatrice; né questa si può chiamare guerra più di quando Catilina si apprestò ad appiccar fuoco alle case insieme con Lèntulo, complice della sua follia, e con l'insensata violenza di Cetègo, solito a portare il braccio scoperto. O miserevole rabbia del condottiero! Mentre il destino voleva, o Cesare, porti fra i Camilli e i grandi Metelli, tu te ne stai con i Cinna e i Marii. Sarai stroncato, senza alcun dubbio, come Lèpido stramazzò ad opera di Càtulo, come Carbone, sepolto in Sicilia, fu giustiziato dalle nostre scuri e come Sertòrio che, esule, sollevò contro di noi i feroci Ibèri; anche se - ti prego di credermi - provo disagio nel collocarti, o Cesare, fra costoro e nel vedere che Roma ha opposto il mio braccio alla tua follia. Avesse voluto il cielo che, dopo le guerre contro i Parti, Crasso, vincitore, fosse tornato sano e salvo dalle rive della Scizia, così che tu cadessi, nemico dell'Urbe, per la stessa causa di Spartaco. Se i numi hanno deciso che anche tu ti debba aggiungere ai miei titoli di merito, ecco, la mia destra è ancora capace di scagliare un giavellotto, e l'ardente sangue mi scorre nuovamente caldo nel cuore: imparerai che non fugge dinanzi alla guerra chi è riuscito a vivere in pace. Cesare mi chiami pure svuotato di ogni energia ed ormai finito: non lasciatevi scoraggiare dalla mia età: sia pure nel nostro esercito più vecchio il capo, purché nel loro lo sia il soldato. Son salito fin dove un popolo libero può far giungere un cittadino e non ho lasciato nulla al di sopra di me se non il regno: non brami un potere privato, tu che ti appresti a superare Pompeo nell'Urbe. Saranno dalla mia parte sia i due consoli che una schiera di condottieri. Cesare riuscirà vincitore del Senato? Non trascini ogni cosa con un corso così cieco, o Fortuna, né sei così sfrontata! Infondono forse coraggio a Cesare la Gallia ribelle e i molti lustri impiegati a sottometterla? O il fatto di essere fuggito dalle gelide onde del Reno e, chiamando Oceano uno stagno di profondità incerta, di aver voltato, in preda alla paura, le spalle ai Britanni, di cui si era messo in caccia? O forse si gonfiarono le sue vuote minacce per il fatto che la fama della sua follia ha cacciato l'Urbe in armi dalle sedi della patria? Pazzo, non te fuggono tutti: seguono me! Allorquando io ho guidato su tutto il mare le fulgenti insegne, prima che la luna celasse per due volte il suo disco pieno, i pirati, in preda al terrore, abbandonarono ogni parte del mare stesso e richiesero una sede in un'angusta zona di terra. E ancora io, più fortunato di Silla, costrinsi alla morte il re, che non era stato domato e che, fuggiasco attraverso le vie del mare di Scizia, si frapponeva alla realizzazione dei destini di Roma. Non c'è zona del mondo che non mi conosca e tutta quanta la terra, in ogni sua parte, è occupata dai miei trofei: da un lato il Nord mi vede vincitore presso le gelide onde del Fasi; dall'altro mi sono noti l'asse mediano del caldo Egitto e Siène, dove l'ombra non ruota da nessuna parte; temono le mie leggi l'Ovest e il Beti, che, il più occidentale di tutti i fiumi, si getta nel mare soggetto al flusso e al riflusso; mi hanno conosciuto gli Arabi sottomessi, gli Enìochi feroci in guerra ed i Colchi divenuti celebri per il furto del vello; hanno timore delle mie insegne i Cappàdoci, i Giudei, che adorano un dio invisibile ed irraffigurabile, e la molle Sofène; ho sottomesso gli Armeni, i feroci Cìlici ed il Tauro: qual guerra mai ho lasciato a mio suocero, se non il conflitto civile?». Le parole del condottiero non furono accolte dalle acclamazioni dei suoi soldati, i quali non chiesero di affrettare gli squilli per il combattimento promesso. Lo stesso Pompeo percepì la paura e decise di ritirare le insegne e di non gettare nei rischi di uno scontro così decisivo un esercito già vinto dalla fama di Cesare, anche se nessuno di loro l'aveva ancora visto. Come un toro, sconfitto nella mandria al primo scontro, si dirige verso le parti più nascoste dei boschi ed esule nei campi deserti saggia le corna dando di cozzo nei tronchi e torna a pascolare solo quando, irrobustita la testa e il collo, è soddisfatto dei muscoli tesi e subito, alla testa degli altri tori, guida l'armento nei balzi che gli piacciono, nonostante gli sforzi in contrario del pastore - così Pompeo, svantaggiato nel rapporto di forze, abbandonò l'Italia e, fuggiasco attraverso i campi d'Apulia, trovò ricetto nelle sicure rocche di Brindisi. Questa città fu un tempo possesso dei coloni dittèi, che navi cecròpie trasportarono, profughi attraverso il mare, da Creta, allorquando le vele proclamarono falsamente che Tèseo era stato sconfitto. Un angusto tratto di terra dell'Italia, che ormai si restringe, spinge nel mare quella tenue lingua, che racchiude le onde dell'Adriatico come fra corna ricurve. Tuttavia in questa gola così stretta, in cui si insinua il mare, non potrebbe esserci un porto, se un'isola non facesse scaricare sui suoi scogli la violenza dei cori e non respingesse le onde stanche. Da una parte e dall'altra la natura ha posto di fronte al mare aperto monti rocciosi ed ha tenuto lontani i venti, in modo che le imbarcazioni potessero rimanere all'attracco, assicurate da una fune anche debole. All'esterno si estende per largo tratto la superficie del mare, sia che si faccia vela verso i tuoi porti, o Corcìra, sia che ci si diriga a sinistra verso l'illirica Epidamno, che si tende in avanti sui flutti dello Ionio. Questo è il rifugio dei naviganti, allorquando l'Adriatico sprigiona tutta la sua violenza e i Ceràuni si immergono nelle nubi e la calabra Sasòna è sommersa dai flutti spumeggianti. Allora, quando per Pompeo svanì l'estrema speranza in quel che si era lasciato alle spalle e non gli fu possibile far convergere la guerra presso i rudi Ibèri, dal momento che c'era da attraversare l'enorme catena montuosa delle Alpi, egli si rivolse al figlio più grande: «Ti comando di saggiare le zone più riposte del mondo: smuovi l'Eufrate e il Nilo, fin dove è giunta la fama del nostro nome, e le città dove è conosciuta Roma sotto la mia guida; fai tornare a navigare i coloni di Cilìcia sparsi per i campi; scuoti i re egiziani e il fedele Tigrane. Non tralasciare, ti prego, l'esercito di Fàrnace né le popolazioni nomadi delle due Armenie, le orde rifèe, i feroci guerrieri delle rive del Ponto e quelli che vivono presso la stagnante palude Meòtide, che è in grado di sorreggere, con le sue acque congelate, i carri e... ma perché sto parlando tanto? Porterai, o figlio, la guerra nell'intero Oriente e solleverai in tutto il mondo le città sottomesse: tornino a combattere tutti coloro che io ho vinto. E voi, o consoli, che date il vostro nome ai Fasti latini, recatevi in Epiro non appena borea prenda a spirare; e di lì, attraverso i campi dei Greci e dei Macèdoni, procuratevi nuove forze, finché la stagione invernale offre la possibilità di rimanere in pace». Così parlò: tutti obbedirono agli ordini e mollarono gli ormeggi delle cave imbarcazioni. Ma Cesare, sempre incapace di starsene tranquillo e lontano dalle armi, affinché al destino non sia possibile mutare alcunché, insegue e incalza da presso le orme del genero. Ad altri sarebbero sufficienti tante mura conquistate al primo assalto, tante rocche occupate dopo averne scacciato i nemici, la stessa Roma, capitale del mondo, la più importante preda di guerra, agevole a soggiogarsi: ma Cesare, che si getta a capofitto in ogni impresa, ritenendo che nulla sia compiuto, quando rimane ancora qualcosa da fare, incalza inesorabile e, nonostante sia padrone dell'Italia intera, dal momento che Pompeo ne occupa il lido estremo, si rammarica di doverla dividere con lui. Né vuole che i nemici riprendano a navigare sul mare aperto: fa gettare massi rocciosi in acqua e blocca così un largo tratto di mare. Questa fatica va però vanamente perduta nell'enormità della distesa marina: i flutti voraci ingoiano tutti i massi e li frammischiano con la sabbia; allo stesso modo - se l'alto Èrice cadesse in mezzo ai flutti del mar Egeo o se la vetta del Gàuro si staccasse dalla montagna e precipitasse fin nel più profondo dello stagnante Averno - nessuno scoglio emergerebbe dalle onde. Così - dal momento che nessun peso riusciva a trattenere i massi sul fondo - Cesare, tagliati interi boschi, decide di legarne insieme i tronchi con enormi catene: la fama tramanda che simili vie avesse costruito sull'acqua l'arrogante Persiano, allorché, con estrema audacia, riuscì ad avvicinare per mezzo di ponti l'Europa all'Asia e Sesto ad Abìdo, inoltrandosi sulle onde del vorticoso Ellesponto, senza alcun timore dell'euro o dello zefiro, mentre faceva trasportare per via di terra imbarcazioni nel cuore dell'Athos. Così l'insenatura viene sbarrata dalle selve abbattute: sull'esteso terrapieno si costruiscono le opere di difesa ed alte torri ondeggiano sulle acque. Pompeo, scorgendo la rotta verso l'alto mare bloccata da una nuova terra, si tormentava nell'animo con angosciose preoccupazioni, chiedendosi come potesse riaprirsi la strada verso il mare aperto e portarvi così la guerra. Sospinte dal noto, con le vele gonfie e le funi tese, alcune imbarcazioni sfondarono frequentemente l'estremità superiore dell'ostacolo, aprendo così una via ai battelli, e balliste, manovrate da braccia robuste, scagliarono nella notte fiaccole con molte lingue di fuoco. Infine, non appena a Pompeo sembrò giunto il momento di una fuga nascosta, ordinò ai suoi compagni di fare in modo che gli equipaggi non lanciassero grida sulla spiaggia, di non far risuonare la buccina per annunciare il trascorrere delle ore e di non far avvertire i marinai con la tromba, perché prendessero il largo. Ormai la Vergine, ultima delle costellazioni a sorgere, aveva iniziato a precedere la Bilancia, che avrebbe accompagnato il sole, allorché silenziosamente essi mollarono gli ormeggi. Non si udirono voci, mentre l'ancora era tirata su dal fondo compatto; mentre i pennoni venivano curvati e si innalzava l'alto albero, i timonieri timorosi tacevano e i marinai srotolarono dall'alto le vele, senza scuotere le forti funi, in modo da non provocare alcun sibilo. Il loro condottiero faceva voti e ti pregava, o Fortuna, perché gli fosse almeno consentito di abbandonare quell'Italia, che tu gli impedivi di mantenere. A stento i fati lo concessero: il mare infatti, colpito dai rostri, risuonò per largo tratto e la superficie si animò di flutti, provocati dalle scie di tante navi. Allora i nemici - penetrati in città attraverso le porte, che l'atteggiamento dei cittadini, cambiato con la fortuna, aveva fatto spalancare - precipitandosi di corsa attraverso i bracci ricurvi del porto, si diressero verso la spiaggia e si rammaricarono che la flotta nemica fosse ormai in alto mare: oh, vergogna, la fuga di Pompeo rappresentò una ben misera vittoria! Uno stretto passaggio, più angusto del flutto eubòico, che batte Càlcide, immetteva verso il mare aperto. Qui due imbarcazioni - incappate nelle mani di reparti apprestati per affrontare la flotta - furono costrette a bloccarsi e qui per la prima volta il mare - trasferitosi il conflitto sulla terra ferma - rosseggiò del sangue dei cittadini. Il rimanente della flotta si allontanò privo delle ultime navi; come - allorché l'imbarcazione di Pàgasa si stava dirigendo verso le onde del Fasi - la terra fece uscire dai flutti le rocce ciànee: Argo sfuggì agli scogli con la poppa infranta e le Simplègadi percossero inutilmente il mare vuoto e si fermarono per non muoversi più. Già il colore del cielo ad oriente annunziava il sorgere del sole, la luce, non ancora bianca, rosseggiava e toglieva gradualmente lo splendore agli astri più vicini, ormai si offuscavano le Plèiadi, i carri di Boòte, che stava declinando, svanivano nel cielo ormai chiaro, stelle più grandi scomparivano e Lucìfero fuggiva il giorno che si andava riscaldando. Tu, o Pompeo, tenevi ormai il mare, ma non eri più assistito dai fati che ti erano benigni, allorché inseguivi i pirati per tutto il mare: la Fortuna, stanca dei tuoi trionfi, si è allontanata da te. Cacciato con la moglie, i figli e tutta la tua casa, te ne vai esule, anche se gruppi di cittadini accompagnano te, ancora grande: si va alla ricerca di una sede lontana per una rovina indegna. Gli dèi hanno deliberato che la tua tomba debba essere sulle arene egiziane, non per privarti di un sepolcro in patria, ma per risparmiare l'Italia: lontano e in una landa remota la Fortuna asconda questa empietà e la terra romana si conservi non macchiata dal sangue del Grande.